Blog

"Il mio 3Shape TRIOS è molto più di uno scanner intraorale"

/ Aggiornato:

Dott. Jonathan L. Ferencz

Protesista

NYC Prosthodontics

Uno dei più noti protesisti, il Dott. Jonathan L. Ferencz, ritiene che i dati digitali generati dagli scanner intraorali possano essere utilizzati in molti altri modi. In qualità di utilizzatore dello scanner intraorale 3Shape TRIOS, afferma che il suo TRIOS  è molto più di una semplice soluzione per impronte digitali.

In questo post sul blog, il Dott. Ferencz illustra come iniziare a pensare in modo diverso allo scanner intraorale e perché si dovrebbe effettuare, per esempio, una scansione di ogni paziente con TRIOS in ogni sala operatoria.

Potreste usarlo per comunicare le condizioni esistenti di un paziente in tempo reale. Iniziando con qualcosa di semplice come carie o una frattura o una corona fino ad arrivare ai sofisticati restauri estetici.”

Questo scanner intraorale, il 3Shape TRIOS, non è solo uno scanner intraorale. Lasciatemi spiegare.

 

All'inizio, pensavamo solo all'odontoiatria digitale come CAD/CAM. Le applicazioni CAD/CAM di solito implicavano una sorta di ricostruzione della dentatura. Poteva trattarsi di denti esistenti che erano malformati, non estetici o denti mancanti che dovevano essere sostituiti con un restauro fisso o rimovibile.

Negli ultimi 10 anni, è così che i medici e altri professionisti del settore hanno pensato al CAD/CAM. Ma ciò di cui 3Shape e io ci siamo resi conto, è che la tecnologia di scansione presenta molto più potenziale, cioè può essere utilizzata come strumento di comunicazione e di dimostrazione… applicazioni che non hanno nulla a che fare con la produzione.

Ecco perché consiglio ai dentisti di utilizzare le impronte digitali

Stavo facendo dell'aggiornamento professionale presso l'Università dell'Alberta a Edmonton e lì ho parlato di questo con il presidente del dipartimento. Mi disse, “come vorrei avere una scansione di mio genero che è un giocatore di hockey professionista.”

Ha avuto un infortunio molto brutto che ha richiesto un'estesa chirurgia orale. Aveva una mascella rotta e hanno dovuto riposizionarla e fissarla con una fasciatura.

Ha aggiunto, “se avessi potuto avere la registrazione della sua occlusione, sarebbe stata di grande aiuto al chirurgo maxillo-facciale nel fissare i segmenti mobili della mascella.” Mi ha aperto gli occhi.

La scansione intraorale, hai indovinato, diventa parte della cartella clinica del tuo paziente

Non penso di poter nemmeno immaginare il potenziale derivante dal disporre dei dati di una scansione come base di riferimento per ogni paziente. Ogni volta che vedo che un paziente ha un problema da monitorare o se tutto va bene e voglio solo creare un punto di riferimento, nel caso avesse problemi in avvenire, gli suggerisco di fare una scansione e di aggiungerla alla sua cartella clinica. Se danneggia un dente, possiamo confrontarlo con la sua scansione di riferimento.

3Shape dental software

Ad esempio, il tuo paziente ha un incidente in bicicletta e ti chiama di domenica. “Sono caduto dalla bici e mi sono rotto due denti anteriori.”

Vuoi provare a ricreare l'anatomia dei due denti anteriori del paziente? Invece, apriamo semplicemente una scansione che abbiamo registrato cinque anni prima e abbiamo la forma e il colore esatti dei suoi denti prima dell'incidente. In passato, chiedevamo una foto, qualcosa come la foto del diploma di scuola superiore. È Inutile.

Inoltre, con una scansione intraorale non c'è radiazione, non c'è esposizione, è solo un video ad alta velocità. Non c'è alcun inconveniente e non ci sono costi.

Oltre all'aspetto dei costi, ci sono molti altri vantaggi nel lavorare con le impronte dentali digitali

Ci sono enormi opportunità. Ci credo così fortemente che penso che la tecnologia della scansione dovrebbe essere utilizzata per la documentazione e la registrazione dei dati clinici dei pazienti. Ad esempio, nei casi in cui è necessario chiedere l'opinione di un altro specialista, “dai un'occhiata a questo paziente che è sulla mia poltrona, cosa pensi che dovrei fare?” penso che potremmo usarla per comunicare al paziente la condizione esistente in tempo reale.

Iniziando con qualcosa di semplice come carie o una frattura o una corona, fino ad arrivare ai sofisticati restauri estetici.



Lo strumento di monitoraggio dentale 3Shape consente ai medici di monitorare, visualizzare e misurare i cambiamenti nel tempo delle condizioni dentali dei loro pazienti in modo che questi possano vedere con i propri occhi dove si trova il problema.

Cos'è che i pazienti possono vedere ora che non potevano vedere prima?

Pensaci, è qualcosa di magico. Posso riprodurre una scansione sullo schermo e girarla, capovolgerla, mostrarla dal lato occlusale o dal lato linguale, dal retro ecc.

Puoi mostrare a un paziente perché un determinato dente è sensibile. Ha una frattura oppure a causa del morso aperto o, il contrario, del morso profondo. Non avresti mai potuto dimostrare quelle cose prima. In definitiva, vedo specialisti che utilizzano TRIOS non solo su qualche paziente, ma su ogni paziente. Vedo che la scansione di ogni paziente diventa parte integrante della nostra routine.

Ha più scanner intraorali nel suo studio? Sì, naturalmente!

Quello che ho notato è che nella nostra era digitale, con la mia popolazione di pazienti che va dai millennial agli ottantenni, tutti possono capire cosa sto cercando di mostrare loro con una scansione intraorale. Tutti! E quando vedono la loro scansione, dicono quasi sempre la stessa cosa, "dottore, questa è la tecnologia più incredibile che abbia mai visto."

Pazienti che una volta avrebbero detto "avrei accettato il trattamento perché mi fido di lei" ora accettano il trattamento proposto perché è semplicemente un gioco da ragazzi. Questo è ciò che possono fare una scansione dentale e una dimostrazione convincente."

Dr. Ferencz in his dental clinic

Ecco come stanno le cose con le sale operatorie. Utilizzo occasionalmente un'unità chirurgica elettrica per la retrazione. Non la uso nemmeno tutti i giorni. Ma ne ho una in ogni sala operatoria ed è sempre configurata. Quindi, se lo volessi, potrei semplicemente girare l'interruttore e accenderla.

Ora, se dovessi andare in un'altra sala o spostare il paziente in quella sala o disturbare qualcuno in quella sala che ha l'unità e portarla nella mia sala per installarla, non la userei. Quindi, anche se uso l'unità di retrazione forse cinque minuti al giorno, ce ne sono ancora quattro, una in ciascuna delle sale operatorie del nostro studio. La stessa cosa vale per uno scanner intraorale.

Anche quando mi occupo di un paziente per l'igiene dentale, il modo migliore per mostrargli qualsiasi cosa è con una scansione. Ma se lo scanner è in uso in un altra sala operatoria, forse non lo farò. Ecco perché ne hai bisogno di più di uno.

Ho scoperto che effettuando una scansione di ogni paziente ad ogni consulto e mostrando loro il problema nonché quale sarebbe il risultato finale del trattamento proposto, questo aumenta significativamente l'accettazione del trattamento da parte del paziente. Se hai un paziente che accetta una ricostruzione estesa perché gli hai mostrato una scansione, puoi quasi pagare per uno scanner aggiuntivo.

Per il mio studio, avere uno scanner in ogni sala operatoria e scansionare ogni paziente sta diventando la nuova norma.

Informazioni sul Dott. Jonathan L. Ferencz

Dott. Jonathan L. Ferencz

Protesista

Il Dott. Jonathan Ferencz è un protesista certificato dal consiglio di amministrazione che mantiene uno studio privato a New York City. Lavora a stretto contatto con 3Shape per creare nuove ed entusiasmanti app per lo scanner intraorale TRIOS. App innovative come 3Shape TRIOS Treatment Simulator, 3Shape TRIOS Patient Specific Motion e 3Shape TRIOS Patient Monitoring stanno cambiando l'odontoiatria e apportando più valore agli studi. Ulteriori informazioni sul Dott. Ferencz

Volete esaminare più in dettaglio la nostra gamma di scanner intraorali?

Leggete anche

Guida per il confronto di marche e modelli di scanner intraorali

Dott. Ahmad Al-Hassiny

Direttore dell'Istituto di Odontoiatria Digitale (iDD)

;